Il fantastico mondo ‘tessellato’ di Goran Konjevod

Goran Konjevod è un ingegnere informatico che vive in California con la passione (nemmeno a dirlo) per la matematica. L’ossessione per i numeri e il pensiero matematico lo hanno portato ad appassionarsi (e a creare forme) con uno dei fenomeni più incredibili che il mondo artistico della carta abbiamo mai prodotto: gli origami tessellati. Non esiste una vera e propria definizione che spieghi quest’arte, si pratica, si tratta di una nuova ‘tendenza’ (se così vogliamo definirla) con cui creare origami dalle forme geometriche incredibili (non i soliti animali per capirci), dove ogni foglio si incastra nel precedente e costituisce al tempo stesso un incastro per il successivo, il foglio diventa un modulo da unire agli altri, non c’è mai l’utilizzo di colla e collanti. Solo pieghe. Non c’è limite al numero di moduli: sono note costruzioni con oltre 60.000 moduli.

Ho scoperto un’arte complessa e difficile (almeno per me) con modelli regolari e irregolari, ma sopratutto modelli e forme che sembrano vere e propri esseri organici. Il lavoro di Goran Konjevod prende spunto dai lavori e dalle sculture di carta di Paul Jackson, ma (pur utilizzando lo stesso principio) arriva molto più avanti. Konjevod è riuscito a immaginare un piccolo mondo fatto di ‘creature’ che ricordano il mare e le profondità degli abissi, i suoi colori, le sfumature, la tridimensionalità che sembra avere vita propria. Forme ipnotiche che ti trasportano dove nessun foglio di carta piegato era mai arrivato prima. Se seguite le pieghe tentando di capire come sia possibile che uno o più fogli possano dar vita ad una forma nuova così complessa, vi perderete sicuramente.

Sono ore che li fisso e mi stanno raccontando di vite complesse e misteri misteriosi. Adesso comincio a piegare fogli di carta come se non ci fosse un domani. Portatemi via.

Buon viaggio.

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento