Breaking News

The Wolfpack

Tutto ciò che conoscono lo devono al cinema: il documentario sui fratelli Angulo, che prima di poco tempo fa non avevano mai visto la luce del sole, ma solo film

E’ possibile venire a conoscenza delle cose del mondo reale solamente attraverso un mucchio di DVD e VHS?

E non solo comprendere il senso di gioia, l’amore, la rabbia o l’ironia, ma capire di cosa è fatta la corteccia di un albero o cosa si prova mettendo i piedi nell’acqua del mare e sdraiandosi sotto al sole in mezzo a decine di sconosciuti? I fratelli Angulo ci sono riusciti ma non si sono limitati alla “conoscenza”; hanno sviluppato una serie di capacità artistiche e una sensibilità commovente senza essere mai usciti di casa fino ai loro 20 anni.

the_wolfpack

Con The Wolfpack ci racconta la loro storia Crystal Moselle, regista che li ha incontrati per caso lungo le strade di New York, durante una delle loro prime uscite alla scoperta della città. Riprende la loro vita in un appartamento nel Lower East Side di Manhattan, dove vivevano con una sorella più piccola e i genitori. Non avevano mai messo il naso fuori di casa, nessun amico, niente scuola o sport. Solo lezioni in casa impartite dalla madre e una grande creatività pronta ad esplodere fuori dalle quattro mura domestiche.

Tutto per volere di un padre una volta hippy e libero, convinto che il mondo esterno avrebbe messo in pericolo i suoi figli e contaminato la loro purezza.

Chi li ha salvati da tutto questo? Quentin Tarantino, Martin Scorsese, Batman e tutti i protagonisti della cultura pop che di solito conosciamo come compagni d’avventura sullo schermo, per loro sono stati ancore di salvezza e amici fidati. Hanno sempre condiviso la passione di rimettere in scena i film più amati con sceneggiature perfettamente trascritte a macchina e costumi geniali ricavati da scatole vuote di cereali e carta pesta.

the-wolfpack-movie-image

The-Wolfpack

Tutto è cambiato quando uno di loro ha deciso di uscire contro il volere del genitore, questo ha dato il via ad un effetto domino decisivo per la loro libertà.

Le immagini li hanno salvati dalla follia di chiudersi in se stessi e hanno fornito lo slancio per guardare cosa si stavano perdendo. Non sto qui ad annoiarvi con concetti di metacinema e cultura visuale salvifica per l’umanità, ma semplicemente, se avete voglia di capire com’è correte al cinema e non ve ne pentirete!

 

 

 

 

 

Silvia Pezzopane
Informazioni su Silvia Pezzopane (56 Articoli)
Scrittrice freelance e costumista per vocazione, appassionata di cinema, arte, musica. Con una laurea in Arti e Scienze dello Spettacolo e un paio di sogni nel cassetto, crede irrimediabilmente che la sua vita sia un film..

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Scrivi un commento