MIHO: Design Inaspettato

Succede che cammini per le vie di Milano e da Cargo ti innamori di uno strano oggetto appeso alla parete. Succede che rimandi l’acquisto, che poi devi ripartire e trovi il negozio chiuso.

Succede, alla fine, che anni dopo passeggiando per le vie di quel quartiere radical chic della tua città, che tanto odi, ritrovi lo stesso oggetto che ti spia dalla vetrina proprio nella giornata di shopping che ti eri concessa.

È successo e da domenica sono la felice proprietaria di un cervo a pois.

Gli oggetti di MIHO:Unexpected Things sono ciò che io amo definire Design con la d maiuscola: pattern e stampe meravigliosi, un etica responsabile dei materiali e un utilizzo finalmente intelligente delle risorse creative del proprio paese senza tralasciare i prezzi accessibili.

Si tratta della rivisitazione in chiave moderna e di gusto del principali oggetti da parete che adornavano le case; ci si ritrova con teste di cervi e cavalli in tartan e pied de poule, casette di legno  per uccelli di seta e grossi trofei di pesci a righe colorate tutto deliziosamente decorato con pattern floreali e grafici, assemblati con un sistema funzionale di moduli di MDF riciclato e stampato con inchiostri e carta eco-friendly tenuti insieme da elastici in gomma.

Godetevi la galleria delle teste di cervo:

 

tartan
tartan

 

flowers
flowers
liberty
liberty

Inutile dire che per i maniaci come me è una goduria dall’inizio alla fine; a cominciare dall’emozione dell’assemblaggio fino alla soddisfazione di ritrovarsi in casa un oggetto stupendo senza aver dilapidato il conto in banca.

detail
detail
sheets
sheets

Miho ha fatto centro su tutta la linea: è adatto a chi ama le cose belle davvero e non si aspetta di riuscire finalmente a dare quel carattere alla parete di casa senza donare un rene da Foscarini.

Perciò che aspettate? Telefonate al vostro migliore amico, prendete la borsa di cuoio e il cappello a falda larga e inerpicatevi per le vie del rione Monti a Roma fino a Via Laurina 6.

 

 

Valentina Petrelli

Valentina Petrelli

Dal 1983 fiera di essere un sagittario, di tagliarsi con la carta, di farsi paladina degli iPhone caduti in piscina e di cavalcare un unicorno.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento