Breaking News

Oltre lo sguardo, oltre McCurry

Steve Mc Curry ci invita alla sua personale "Oltre lo sguardo" negli studi di Cinecittà.

Se ci fosse una parola per descrivere l’opposto di anteprima la potremmo trovare declinata in questa mostra.

Fino al 20 Settembre 2015 nel Teatro1 di “Cinecittàsimostra” Steve McCurry presenta i suoi lavori più recenti in una serie di scatti che vi lasceranno ammutoliti nella mostra “Oltre lo Sguardo”.

Steve Mc Curry lo conosciamo tutti, i suoi lavori su riviste importanti come National Geographic accompagnano il nostro bisogno di viaggiare e scoprire il mondo da sempre, ma questa volta i due curatori Biba Giacchetti e Peter Bottazzi hanno saputo guardare oltre, cogliere qualcosa di veramente profondo e hanno scelto uno spazio come il tempio del Cinema per allestire le “riprese” di quello che non ha nulla da invidiare ad un film.

mostra

Mc Curry – Oltre lo sguardo

All’interno dello studio di posa si viene letteralmente proiettati all’interno di uno spazio studiato in ogni dettaglio in cui questi pannelli semi opachi riproducono quasi l’effetto della retina, lasciando che l’occhio metta a fuoco il punto di mondo desiderato.

Ogni foto è una vera e proprio storia e di fronte ad ogni scatto si potrebbe conversare per ore su chi avrà lasciato lì quell’oggetto, sull’odore che si sente o sulle voci dei protagonisti. Si aprono porte, si toccano tessuti e si stringono mani.

Gli altri visitatori diventano parte integrante dell’allestimento; è stato davvero notevole cogliere figure di bambini seduti nello spazio e non riuscire a distinguere le foto dalle persone reali. Questo è quello che io trovo fondamentale nel rapporto con le esibizioni, riuscire ad entrare in contatto con l’artista esattamente come se stessimo conversando con lui ed il lavoro del curatore diventa essenziale.

Il fotografo ci accompagna con brevi video interviste in cui vengono racchiuse le massime sul suo lavoro e ad ogni frase non si può fare a meno di annuire e desiderare una valigia pronta o uno zaino in spalla.

Piacevolmente sorpresa da uno spazio come quello di Cinecittà in cui si respira aria di voglia di riscatto soffocata da una città come Roma, tanto immensa da lasciare troppo spazio libero.

Ma è in questo spazio che in un giorno di agosto ho girato il mondo ed ho assistito ad un originale “PostOpera” con tanto di titoli di coda guardati fino all’ultima riga.

Valentina Petrelli
Informazioni su Valentina Petrelli (16 Articoli)
Dal 1983 fiera di essere un sagittario, di tagliarsi con la carta, di farsi paladina degli iPhone caduti in piscina e di cavalcare un unicorno.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Scrivi un commento