Breaking News

Homlessfont.org: typeface per gli invisibili

Quando camminate e vi capita di incontrare dei senzatetto seduti sul ciglio della strada, il più delle volte notate solo un volto che lotta per la sopravvivenza, quando invece il team di “The Arrles Foundation“, incontra una di queste persone riesce a vedere tanti futuri artisti.
The Arrles Foundation, centro di accoglienza di Barcellona per chi è senza dimora, in collaborazione con l’agenzia pubblicitaria The Cyranos McCann hanno ideato homlessfont.org: un website di font, creati interamente dalla scrittura dei senzatetto, pronti per essere acquistati da designer e creativi .

Un sistema innovativo che unisce l’aspetto artistico e l’impegno sociale,  “Un modo creativo per aumentare e trasformare la visione popolare della questione dei senzatetto “, ha dichiarato il direttore della fondazione Arrels, Ferran Busquets. Così, i caratteri tipografici che i senzatetto usano sui cartoni per avere attenzione in strada, si trasformano in un potente strumento di sensibilizzazione.
Homeless-Fonts-1

I partecipanti hanno fatto vari esercizi tipografici, con la collaborazione di esperti designer e professionisti, che sono stati poi analizzati e convertiti in font utilizzabili digitalmente . Tutti i font sono disponibili sul sito, dove gli utenti possono anche scoprire le storie dei loro creatori attraverso dei video.
I ricavi raccolti attraverso la vendita dei font verranno poi utilizzati dalla fondazione Arless, che sostiene le persone senza fissa dimora nel loro cammino verso l’indipendenza, offrendo alloggio, cibo e assistenza sociale e sanitaria.
Finora dieci le persone senza fissa dimora che hanno preso parte al progetto e cinque i caratteri in vendita. “Non ho mai pensato che la mia scrittura potesse valere qualcosa”, dice Loraine Clochard che ha preso parte al progetto.

Tutti i marchi ed i designer che scelgono i caratteri da Homelessfonts.org hanno un sigillo di qualità che identifica il progetto, a dimostrazione del loro impegno sociale .

Il team di Arrels Fondazione non è l’unico che ha visto del potenziale artistico nei senzatetto: Willie Baronetto, professore di pubblicità, nel 1993 ha cominciato ad analizzare e a raccogliere le scritture dei senzatetto che dopo anni ha trasformato in una mostra che sensibilizzasse l’opinione pubblica.
Visita HomelessFonts.org per conoscere meglio la loro missione.

Martina Mignano
Informazioni su Martina Mignano (4 Articoli)
Napoletana DOP, giornalista - copywriter, appassionata di teatro, fotografia, graphic novel e musica jazz. Con una laurea in lettere e la mania per i voli low cost, spera che un giorno la sua vita sia on the road.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Scrivi un commento