Breaking News

Una notte al museo con Snam alla scoperta del genio di Leonardo

Con Snam alla mostra di Palazzo Reale dedicata a Leonardo Da Vinci all'insegna della cultura e dei #SentieriSostenibili

Lunedì 11 Maggio a Milano ho preso parte alla “notte bianca” organizzata da Snam che ha permesso me e un nutrito gruppo di blogger di visitare la mostra monografica di Palazzo Reale “Leonardo 1452-1519. Il disegno del mondo dedicata al genio fiorentino. L’idea alla base dell’evento è quella di conoscere una figura come quella di Leonardo Da Vinci, completamente dedita alla conoscenza e al progresso e fortemente legata al territorio, proprio come Snam è da sempre legata al capoluogo meneghino portando avanti il percorso culturale di #SentieriSostenibili.

Leonardo 7

Dopo un happy hour nella lounge room del ristorante da Giacomo all’interno del Museo del ‘900 ci siamo recati a Palazzo Reale curiosi di visitare la più importante esposizione dedicata al genio di Vinci mai realizzata in Italia.

Leonardo 5

Il percorso, suddiviso in 12 sezioni, mi ha dato modo di ricordare come le prime opere di Leonardo fossero già pregne del suo approccio scientifico: dagli studi sulle geometrie allo sfumato per rendere l’umidità nei suoi quadri, egli con il suo spirito di osservazione aveva la capacità di comprendere intuitivamente alcuni fenomeni naturali e di usare le sue conoscenze durante il processo creativo. Mica male se si considera il fatto che il pittore fiorentino non ha mai frequentato l’università!

Leonardo 8

Dalle opere giovanili si passa alla parte dell’installazione dedicata alle opere più famose: dal San Girolamo (incompiuto), a ricordarci quanto il genio studiasse l’anatomia umana, alla Belle Ferronnière, probabilmente il ritratto dell’ormai matura Dama con l’ermellino, emblema, insieme al Ritratto di musico, dello sguardo sempre rivolto altrove delle opere vinciane,  all’Uomo Vitruviano, vero e proprio trattato di correzione delle prospettive dell’antico romano, fino al La Scapigliata e al San Giovani Battista a sottolineare la propensione dell’artista verso i ricci e le figure androgine.

Dopo una sezione dedicata si suoi studi sulle opere scultoree che avrebbe dovuto realizzare a Milano, il resto della mostra si concentra sui suoi disegni tecnici, relativi i suoi progetti e le sue macchine. Il suo prototipo più importante, la macchina volante, vera e propria fissazione di Leonardo, è costato una gamba rotta al suo servo, costretto a provarne il funzionamento!

Leonardo 12

Un ultimo sguardo a quello che il genio ha tramandato fino a oggi e sono fuori, dietro il Palazzo Reale, davanti la Madonnina, ancora scossa da quello che un solo uomo può fare e trasmettere nel tempo.

Ilaria Mencarelli
Informazioni su Ilaria Mencarelli (399 Articoli)
Classe 1988, marchigiana d’origine e milanese d'adozione, insegue da qualche anno la laurea specialistica in Scienze della Terra a Milano, che la porterà ad essere geologa a tutti gli effetti. Dal 2013 decide che vuole di più e incomincia a scrivere: prima raccontini liberi sul suo blog, poi articoli e recensioni. Ama tutto ciò che è arte e ha un debole per i fumetti.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Scrivi un commento