Breaking News

Anteprima: Kingsman – il film (e il fumetto)

Può un irrequieto ragazzo della periferia inglese con alle spalle una famiglia disastrata e violenta, diventare un perfetto ‘Kingsman‘ al servizio di sua Maestà Brittanica? La domanda di quasi bondiana memoria è il fulcro del film omonimo (Kingsman Secret Service, appunto) in uscita il prossimo 25 Febbraio. Il film è la trasposizione cinematografica del fumetto di Mark Millar (sceneggiatore di Kick-Ass) e Dave Gibbons (il disegnatore di Watchmen).

Il film

A dirigere la pellicola (si può ancora dire così?) è Matthew Vaughn, regista molto legato al mondo del fumetto, visti i suoi precedenti su Stardust (Gaiman), Kick-Ass e XMen – l’Inizio. Il cast (molto british) vede insieme Colin Firth, Michael Caine e il giovane Taron Egerton correre, sparare, saltare, combattere e salvare il mondo in slow motion dal cattivo cattivissimo Samuel Jackson. Senza star qui a spoilerare troppo la trama (consiglio la visione cinematografica e la lettura del fumetto), possiamo dire che questo film è il mix (quasi) perfetto di grottesco, ironico, pulp e action come non se ne vedeva da tempo, qualcuno ha già rilanciato il neologismo pulpomedy, fondendo insieme due delle sue caratteristiche principali il pulp e la commedia.

In realtà tutta la storia ha anche un paio di sottotesti notevoli, evidenziati dal cast durante la recente conferenza stampa romana. Colin Firth ci ha raccontato di come in realtà i Kingsman ci riportano ad una sorta di trasposizione moderna dei Cavalieri della Tavola Rotonda, dove il bene e il male sono nettamente distinti ed delineati e dove anche quando non sembra il bene trionfa sul male. Ma il film ci ammonisce anche dei pericoli legati alla tecnologia, ai social network e all’uso che ne stiamo facendo in questo periodo. Quando eravamo piccoli, la mamma ci avvertiva di non accettare caramelle dagli sconosciuti e potrebbe essere questo il perfetto sunto/avvertimento/lezione che il film ci regala, accettare regali tecnologici da cattivissimi sconosciuti (sempre Samuel Jackson) potrebbe portare sgradevoli conseguenza per il destino del mondo.

Sei mesi di allenamenti sul set (serviti poi a poco nella vita reale) per realizzare alcune scene davvero notevoli, vedere un lord inglese come Firth combatere e saltare come un ragazzino da parkour fa veramente uno strano effetto (positivo).

KINGSMAN_70x100

La colonna sonora

Il film segna anche il (lieto) ritorno dei Take That al cinema con il brano Get Ready For It brano realizzato appositamente dai ragazzi di Manchester, sul set del film e vede protagonista la star nascente Sofia Boutella, che nel film interpreta Gazelle. Sbarcati (quasi) a sorpresa a Roma per la conferenza stampa di presentazione, ancora oggi il simpatico trio di quarantenni affascina e conquista semiadolescenti e milf di ogni latitudine, accorse numerose per (ri)vederli di persona.

Il fumetto

Colonna portante di questo progetto è ovviamente il fumetto, edito in Italia dalla Panini Comics (in vendita qui) e ristampato di recente in una bella edizione deluxe da 160 pagine. Millar e Gibbons hanno tratteggiato il perfetto mix tra Tarantino e Bond (come in molti hanno sottolineato in seguito), agenti segreti, spie e sparatorie ci pongono davanti al più normale degli interrogativi. Meglio leggere prima il fumetto e poi andare al cinema o viceversa? Io nel dubbio mi sono letto e visto tutti e due e devo dire (con mia grande sorpresa) che sono figli degli stessi genitori e una cosa non esclude assolutamente l’altra.

Qui di seguito una gallery del film e una serie di interviste e spot di presentazione…

Buona visione.

Il trailer

Colin Firth è Harry

Michael Caine e Harry

Samuel Jackson è Valentine!

I modi che definiscono un uomo

Spot


 

 

 

 

Paolo
Informazioni su Paolo "Ottokin" Campana (2098 Articoli)
Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Scrivi un commento