I peluche di Mark Nixon

Quando eravamo bambini tutti noi abbiamo avuto un peluche che ci ha seguito nelle prime tappe della nostra crescita e che è stato a tutti gli effetti, almeno per un po’, il nostro unico amichetto del cuore.

Il fotografo irlandese Mark Nixon ha cercato di rappresentare l’amore nei confronti di questo giocattolo e di rievocare l’infanzia dedicando una serie di scatti a numerosi peluche, realizzando un progetto fotografico molto suggestivo.

Teaddy Bear blu much loved

Concetto che il fotografo cerca di esplicitare tramite il suo lavoro, pubblicato nel libro Much Loved è quello dell’unicità del pupazzo di pezza come gioco prediletto degli anni dell’infanzia, oggetto ritenuto dagli psicologi “di transizione” e che permette al bambino un distacco indolore dalla propria madre, evitando così sensazioni quali il senso di solitudine e l’insicurezza. Lo stesso autore a tal proposito ricorda il suo inseparabile compagno avventure:  l’occhialuto “gentilorso Smith Withers”.

L’ispirazione gli è nata quando la nonna novantanovenne dell’artista ha regalato a suo figlio il primo animaletto di peluche, Peter Rabbit generandone immediata adorazione. A quel punto Mark Nixon si è appellato ai suoi conoscenti, ha chiesto a tutti di portare nel suo studio i loro “amici di pezza” e si è ritrovato così a condividere il set fotografico con degli adulti e i loro vecchi pupazzetti, piuttosto che con dei bambini come si era aspettato.

Oltre agli orsetti i proprietari hanno portato con sé anche racconti, esperienze, storie e segreti commoventi da condividere con il fotografo che ne ha fatto parte integrante degli scatti, una volta resosi conto che i ricordi erano imprescindibilmente legati all’oggetto dell’infanzia.

Peter Rabbit much loved

L’artista è riuscito a dare un’umanità sorprendente a questi giocattoli mediante l’estrema semplicità degli scatti e l’impeccabile uso della luce, scelte adottate ispirandosi al lavoro del leggendario fotografo Irving Penn. E così ci troviamo ad osservare dei soggetti che suscitano le emozioni più varie ma che confluiscono tutte nel desiderio di ritornare all’infanzia, risvegliando il bambino che è dentro ognuno di noi e che aspetta proprio stimoli come il libro Much Love per tornare prepotentemente ad affacciarsi fuori.

Qui di seguito alcune foto del progetto.

Teddy Bear much loved

Teddy Bear much loved

Pierre much loved

Mark Nixon Teddy

Mark Nixon "Pink Teddy"

Ilaria Mencarelli

Ilaria Mencarelli

Classe 1988, marchigiana d’origine e milanese d'adozione, insegue da qualche anno la laurea specialistica in Scienze della Terra a Milano, che la porterà ad essere geologa a tutti gli effetti. Dal 2013 decide che vuole di più e incomincia a scrivere: prima raccontini liberi sul suo blog, poi articoli e recensioni. Ama tutto ciò che è arte e ha un debole per i fumetti.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento