Breaking News

Saving Mr.Banks: la recensione e l’amore per l’animazione

Saving Mr.Banks, è il film che parla del rapporto tra Walt Disney e P.L. Travers, vera protagonista del film.

Vento dall’est, la nebbia è là, qualcosa di strano fra poco accadrà. Troppo difficile capire cos’è, ma penso che un ospite arrivi per me.

Se sei nato e cresciuto in una determinata epoca cinematografica, quando i film della Disney erano solo per ragazzi (ma sapevano intrattenere anche gli adulti), sai perfettamente che quei film erano prodotti da Walt Disney in persona con la cura e la pazienza di un padre verso il figlio. Era un’epoca di colori saturi, personaggi fantastici e sperimentazione, dove l’unione tra l’animazione e il live action (oggi cosa normale) era un salto nel buio per il mondo del cinema. Era l’epoca in cui per molti anni un famoso e importante imprenditore e cineasta americano correva dietro ai diritti di un libro per l’infanzia solamente perchè “era importante” per molti bambini che avevano letto quel libro.

Qualche settimana fa ho visto Saving Mr.Banks il film diretto da John Lee Hancock in anteprima.

Perchè parlo solo ora di questo film alla (quasi) vigilia dell’uscita nelle sale? Semplice, perchè questo film ha lasciato qualcosa in me, qualcosa che dovevo digerire e capire, un film che ha fatto affiorare in me ricordi d’infanzia, mi ha fatto ricordare quanto ho amato (e amo) sia Mary Poppins (chi non ama Mary?), sia Walt Disney. Nella mia infanzia il mio sogno era quello di diventare grande e fare l’animatore e il disegnatore, era quello di creare qualche geniale personaggio animato e fare come aveva fatto lui, creando un mondo tutto mio. Ma più di ogni altra cosa, avevo la passione per il cinema di animazione e vedere degli attori che “giocavano” con personaggi disegnati era  davvero fantastico.

Saving Mr.Banks è un film perfetto in questo senso, racchiude in se la storia di quel cinema, la racconta bene e lo fa con cura (come avrebbe fatto Disney). Il film racconta della vita di P.L. Travers (Emma Thompson), autrice del celebre libro che ispirò il film e del suo rapporto conlo stesso Disney (Tom Hanks). Racconta delle due settimane in cui a Los Angeles, nello studio del creatore del magico mondo dell’animazione, si scontrarono la fermezza della scrittrice e la passione tutta creativa di Walt Disney.

Basterebbero queste poche righe per farvi comprendere quanto amore per il mondo dell’animazione si nasconde (nemmeno poi tanto) in questa pellicola (passatemi il termina arcaico). Un film delicato, ben interpretato ma sopratutto vero, che narra (anche se romanzandola forse un po’) del difficile rapporto tra i due protagonisti, un rapporto legato a doppio filo sia con le esperienze di vita della Travers, sia con le pagine del libro di Mary Poppins che lo stesso Disney amava moltissimo.

Quello che ne esce è un affresco non solo di due grandissimi personaggi, ma anche di una epopea cinematografica (sopratutto hollywoodiana) che probabilmente non tornerà più. Guardare Saving Mr.Banks è anche riscoprire le musiche e le canzioni (geniali) dei fratelli Sherman, i lavori di Mary Shepard, illustratrice inglese che ebbe la fortuna di illustrare il primo libro di Mary Poppins (che trovate nella galleria qui in fondo). E’ anche un modo per tuffarsi nel mondo fatato e magico della prima Disneyland e dell’animazione di frontiera, quando sperimentare era una pionieristica avventura.

Saving Mr.Banks è un gran bel film, senza dubbio, andate a vederlo e poi se ne avete occasione riguardatevi o rileggetevi Mary Poppins. Il vostro sguardo non sarà mai più lo stesso.

Qui di seguito trovate la galleria ufficiale del film e alcune featurette interessanti. Subito dopo una bella gallery sugli effetti usati per le animazioni originali di Mary Poppins.

SAVING MR. BANKS10

SAVING MR. BANKS17

SAVING MR. BANKS6

SAVING MR. BANKS9

SAVING MR. BANKS15

SAVING MR. BANKS25

SAVING MR. BANKS31

Paolo
Informazioni su Paolo "Ottokin" Campana (2099 Articoli)
Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Scrivi un commento