Thor (2): The Dark World

Esce domani nelle sale The Dark World, atteso ritorno sulle scene del biondo Dio del Tuono, che dopo aver salvato il pianeta (e New York) in compagnia degli Avengers (evento catartico nel mondo Marvel) ritorna ad Asgard per pacificare i vari regni soto l’occhio (mai detto più sensato) del padre Odino e della madre (Frigga). Si parla di mondo e mondi, proprio perchè il tema/trama di questo secondo capitolo è proprio l’unificazione e l’allineamento dei nove mondi affinche la conseuta arma di “distrazione” di massa il potentissimo Aether consenta al malvagio più malvagio di tutti i malvagi, il cattivo Malekith di conquistare il potere assoluto e sopratutto il nostro pianeta (ma che ci troveranno poi di bello…).

Adesso cerchiamo di capirci, stiamo parlando e facendo la critica di una film Marvel, ci un cinecomic, quindi tenete accesa la classica “sospensione dell’incredulità” e spegnete la vostra voglia di “film classico” o le lamentele tipo “ma dai… è assurdo”. Detto questo parliamo di un film derivato da comics book e come tale va preso.

Thor: The Dark World è un buon film, non sarà mai il capolavoro della cinematografia mondiale ma siamo sicuri che quando uscirete dalla sala avrete quella leggera aria sospesa e divertita che di solito questi film lasciano (avete pagato per questo no?). Tolta una prima parte un po’ noiosetta e prolissa (bisogna sempre spiegare chi è il cattivo e perchè) tra astronavi, missili e cattivi che ti fanno pensare più a Star Trek e all’Locutus che a Asgard, Quando però arriva l’azione e tutti i personaggi sono al loro posto, il film prende piede e funziona alla grande e persino il conflittuale rapporto mi fido/non mi fido con il viscido Loki riesce ad essere di spunto alla narrazione.

OK non l’action-comedy alla Shane Black che uno si potrebbe aspettare ma tutto sommato alla fine, ci sta che tra combattimenti, un paio di battute davvero divertenti e momenti comici ben assestati (non vi dico quali per non rovinarvi la festa), un po’ di amore e il classico finalone a colpi di mazzate (è proprio il caso di dirlo) il film regge bene, siamo lontani dalla perfezione e dall’essere il film della vita, ma come dicevo prima forse l’importante e non uscire dalla sala credendo di aver buttato i soldi del biglietto.

Avvertenze (1): Se siete fan/fanatici del dio del tuono o nerd monotematici, questo film non vi piacerà, troverete millemiglia di cose per non farvelo piacere, ma ricordate, non si vive di soli fumetti.

Avvertenza (2): Questa è per voi donne, che siete entrate in sala sperando che il buon Chris Hemsworth anche stavolta si spogli, SI! anche stavoltà Chris per far felici voi donzelle ha trovato il modo di far fare un bagno/doccia a Thor e farlo comparire seminudo.

Eccolo!

Thor: The Dark World (USA, 2013) di Alan Taylor. Con Chris Hemsworth, Tom Hiddleston, Natalie Portman, Stellan Skarsgård, Idris Elba, Anthony Hopkins, Ray Stevenson, Jaimie Alexander, Tadanobu Asano, David Stay, Christopher Eccleston e Adewale Akinnuoye-Agbaje.

 

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento