Breaking News

Topolino 3000 – parte 1

Topolino, festeggia proprio oggi (mercoledì22 Maggio 2013) l’uscita del numero 3000 del suo settimanale. E’ un numero importante, non solo perché raggiunge una numera precisa, ma anche perché vuole segnare il territorio e dire a tutti (se mai ce ne fosse bisogno) della sua esistenza continuativa in edicola dal lontano 1949 (il famoso numero uno).

Personalmente posso dire che con Topolino ci sono cresciuto, anche se non ricordo esattamente che età avessi quando ho iniziato a leggerlo, sicuramente fu durante le scuole elementari, avevo cominciato a leggere da solo da poco tempo, mi piaceva l’idea di mettermi sul letto e leggere qualcosa da solo. Credo che i miei genitori mi abbiano cominciato a comprare Topolino in quell’epoca lì, ricordo la festa per l’uscita del numero 1200, fare cifra tonda era importante all’epoca. Da lì in poi scoccò una vera passione, ricordo con piacere domeniche mattina infinite, passate con i miei tra i banchi di Porta Portese alla ricerca dei numeri arretrati, avevo il mio foglietto con la lista (solo in buono stato), il mio sogno segreto era quello di averli tutti, ma con il tempo scoprì a mie spese (e dei miei) che i primi numeri costavano davvero troppo. Cercare e trovare i numeri vecchi era come una caccia al tesoro, continuai per anni, avevo così il modo di leggermi più di un numero di Topolino a settimana. Con gli anni arrivai a collezionare tutti i numero dal 500 al 2000 e molti molti numeri sotto il 500. Se non ricordo male ne avevo anche di bassi, tipo il numero 50 o una cosa del genere.

Insomma a casa mia Topolino non è mai mancato, certo anche lui ha visto e vissuto periodi di crisi, l’adolescenza (la mia), lo scarso interesse che provavo crescendo per certi articoli e redazionali non più adatti alla mia età. Ma il problema più grande era che non mi piacevano più le storie che leggevo, in molti casi le trovavo buttate via rispetto a quelle di una volta, io sono cresciuto con la versione di Topolino, dove non comparivano mai gli autori delle storie e solo da grande ho capito che se cresci con le storie di Scarpa, Cimino, Martina, Carpi e Cavazzano ad un certo punto si crea un problema vero di approccio grafico e creativo con il suo settimanale preferito. Non era colpa degli autori “moderni” se Topolino non mi piaceva più, ma era colpa dei maestri che mi avevano abituato male.

Con il tempo ho continuato discontinuamente a comprarlo e solo negli ultimi tempi da quando sono diventato padre (anche se non ha ancora 5 anni) che mi sono riavvicinato molto a Topolino, oggi capisco che è importante come approccio alla lettura, alla conoscenza del fumetto e a certe politiche didattiche che non moriranno mai, anche se è molto difficile (come dicono quelli che parlano bene) stare al passo con i tempi.

Magari Topolino nei prossimi anni cambierà, magari tornerà alla Mondadori o ad un altra casa editrice,  supererà gli anni di crisi economica e tornerà ad essere quel fulcro delle letture giovanili di mezza italia, ma intanto è stato un vero piacere stamattina andare in edicola a comprare il numero 3000 e scoprire che l’edicolante ne aveva poche copie e ne dava uno solo a persona per accontentare tutti!

Continua….

 

 

 

Paolo
Informazioni su Paolo "Ottokin" Campana (2099 Articoli)
Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Scrivi un commento