Il mondo distopico di Jim Kazanjian

“Per distopìa si intende una società indesiderabile sotto tutti i punti di vista. Il termine è stato coniato come opposto di utopia ed è soprattutto utilizzato in riferimento alla rappresentazione di una società fittizia (spesso ambientata in un futuro prossimo) nella quale le tendenze sociali sono portate a estremi apocalittici“. (Wikipedia)

La definizione di distopia coincide perfettamente con le opere fotografiche di Jim Kazanjian fotografo di Portland a cui piace creare, unendo foto o parti di foto, mondi fastidiosi creati attraverso la frammentazione e la ricomposizione di immagini, paesaggi del tutto fittizi ma realizzati attraverso centinaia di anonime istantanee. Opere che hanno contemporaneamente il sapore di passato e futuro, disorientanti ma molto efficaci a livello subliminale.

Se le immagini che vedete non vi dicono nulla di nuovo, ma non avete mai sentito parlare di Distopia, sappiate che in molti casi, nella narrativa contemporane sono accumunabili opere ambientate in un futuro prossimo e appartenenti al genere cyberpunk o steampunk.

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento