Edward Weston. Una retrospettiva

Weston è uno dei pochi artisti creativi del nostro tempo. I suoi lavori illuminano il viaggio spirituale dell’uomo verso la perfezione”Ansel Adams

Dal 14 settembre al 9 dicembre, nell’Ex Ospedale Sant’Agostino, si possono ammirare più di 110 stampe originali di Edward Weston, considerato uno dei più grandi maestri della fotografia del Novecento. Scatti risalenti ai primi anni venti fino agli anni quaranta, e in gran parte provenienti dal Center For Creative Photography di Tucson, dove ha sede il più grande archivio dell’autore.

Weston cominciò la sua carriera fotografica con uno stile cosiddetto pittorialista, molto in voga negli anni Venti, in cui le fotografie erano spesso ritoccate e sfumate. L’arrivo delle avanguardie in pittura, le scoperte tecniche e scientifiche e gli importanti incontri con fotografi come Tina Modotti, fotografa e attivista politica italiana, che sarà poi sua compagna in Messico, e Ansel Adams, con il quale negli Stati Uniti fonderà il gruppo di fotografia f/64, cambiarono il suo modo di vedere le cose. In quegli anni Weston ricercò nella fotografia una coerenza formale molto rigida: tutto doveva essere controllato, l’inquadratura, i toni di grigio, l’esposizione. L’oggetto fotografato doveva essere lucido, chiaro, nitido, in modo tale da allontanarlo sempre di più dalla pittura e avvicinarlo quanto più possibile alla perfezione.
Per lui la macchina fotografica ”doveva essere usata per registrare la vita e per rendere la vera sostanza, la quintessenza delle cose in sé, sia che si tratti di acciaio lucido o di carne palpitante”.

Edward Weston. Una retrospettiva
14 settembre – 9 dicembre 2012
Ex Ospedale Sant’Agostino – 
Largo Porta Sant’Agostino,  Modena, Italia
Orari di apertura
: martedì-venerdì 11-13 / 15.30-19
sabato, domenica e festivi 11-20
Biglietto d’ingresso: € 7,00 intero
 – € 5,00 ridotto: under 25 /over 65 /gruppi (min. 12 persone)
_gratuito: under 12 /stampa accreditata /disabili con accompagnatore /scuole (su prenotazione)
Ingresso gratuito tutti i martedì

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento