Le macchine, il design e la nuova Mercedes CLA

Si è svolta a Milano ‘ultima avventura in ordine temporale dei #5Blogger, siamo stati ospiti nella sede della Mercedes in occasione della presentazione del nuovissimo Concept Style Coupè (quella che sarà la probabile la Mercedes CLA in futuro). Il Concept Style Coupè per chiunque conosca un minimo le auto e il design, è un incredibile passo avanti per questo settore, concepita come un’idea di auto futuristica e innovativa è a prima vista è una macchina molto più vicina al redesign della batmobile (per rimanere nel campo fumetto) che ad una normale auto di serie.

In questa occasione abbiamo avuto la possibilità di incontrare e parlare con un vero genio del design Michele Jauch Paganetti, General Manager Mercedes-Benz Cars Development, Paganetti, esperto designer dalla carriera internazionale, è il capo del centro design di Como (che speriamo di poter visitare presto) dove vengono disegnati e progettati tutti gli interni delle varie Mercedes. Il suo compito (affatto facile) è quello di creare, pensare e realizzare gli interni delle varie auto/concept cercando di anticipare la moda e la tendenza con anni di anticipo senza snaturare la storia e la linea di produzione della casa di Stoccarda.

Ho così scoperto che nello stupendo centro stile di Como, seguono e anticipano quello che sarà il futuro dell’auto e delle loro tendenze, partendo da un attenta e precisa raccolta e studio dei componenti, non escludendo mai nessuna possibilità, dalla scelta dei colori a quella dei materiali più diversi, la ricerca è altamente specializzata e mirata al top, gli interni progettati devono sempre dare un senso di modernità e innovazione. Un’innovazione che si respira a pieni polmoni in questa presentazione, le idee di Paganetti hanno portato negli interni del Concept Style Coupè la pelle bianca, i colori fluo (sia per le rifiniture che per le bocchette dell’aria), la fibra di carbonio intrecciata con fili metallici che rendono cangiante alcuni particolari, il tutto per dare un senso di sportività e comodità estremamente piacevole.

Un lavoro di design davvero notevole, che non può non lasciare stupiti, se si pensa che il tutto è stato progettato oltre tre anni fa e oggi ci troviamo di fronte ad un auto che verrà presentata con grossa probabilità nel primo semestre del 2013, quindi ad una notevole distanza dalla sua reale ideazione. Anticipare il futuro appunto, far sentire bene la gente, stare sempre attenti a tutti gli aspetti sia tecnici che umani. Personalmente devo dire che mi ha molto stupito molto l’assenza di schermo touch all’interno della linea di produzione Mercedes, malgrado un look and feel molto simie a quello della Apple, a Stoccarda (e Como) hanno pensato che lo schermo touch per il navigatore non era adatto (a favore di uno normale) per due ragioni fondamentali, la prima è che (come è lecito pensare) distrae dalla guida, la seconda (forse più curiosa) è che la Mercedes lo ritiene un oggetto sporco a causa dei continui tocchi e che non aiuta a rendere chiara l’idea di piacere estetico e pulizia che la casa vuole dare delle sue auto.

Sono rimasto davvero molto colpito dalla figura di designer moderno di Paganetti, un designer che ha studiato, girato il mondo e lavorato nel campo del design automobilistico sin dagli esordi e che oggi è capace di parlarti con semplicità e disinvoltura degli interni di una Mercedes e del suo lavoro certosino. Ascoltandolo si intuisce l’intenso piacere che prova un designer nel parlare dell’ottimo lavoro fatto per un auto che (ad avere le possibilità) andrebbe comprata subito solo per la piacevolezza estetica che emana guadandola.

Il viaggio dei 5Blogger finisce di fatto qui, si torna a casa con un normalissimo treno Frecciarossa (niente Mercedes in omaggio purtroppo) e con l’idea (mai stata così chiara fino ad oggi) che anche nel design di alta gamma si possono realizzare ottime idee e progetti lasciandosi dietro fastidiosi preconcetti creativi. Ci rimane davvero un ottima impressione e la voglia di andare a visitare il centro designer di Como per saperne di più.

 

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento