Roma: Affordable Art Fair

L’Affordable Art Fair, una delle principali fiere internazionali per l’arte contemporanea con un limite di prezzo. Arriva a Roma da domani per quattro giorni dedicati all’esposizione e alla vendita dell’arte contemporanea, parliamo di cinquanta gallerie internazionali che vendono opere tra i 100 e i 5000 euro a prezzo esposto.

Siamo andati a sbirciare alla preview e l’impressione con cui ne siamo usciti è davvero buona, una fiera che vuole o vorrebbe (forse per la prima volta) rinnovare un mercato di cui in molti si lamentano per varie ragioni. Affordable Art Fair, è un validissimo tentativo di aprire a nuovi collezionisti, di aprire ad un mercato del contemporaneo che per necessità o tempistiche non può essere estramente caro, ma è anche un diverso approccio all’arte, e alle gallerie spesso accusate di essere paludate o ingessate dalla propria stessa clientela (è il mercato no?).

Affordable Art Fair arriva a Roma dopo aver fatto tappa Londra, Amsterdam, New York, Bruxelles e in tempi recenti anche a Milano, è una tappa importante secondo noi questa, è una tapppa che tenta di cambiare il punto di vista, che spera di portare davvero nuova linfa vitale all’arte capitolina e non.

A nostro modo di vedere la fiera è ampiamente riuscita nel suo intento, girando per le gallerie dell’Affordable si respira qualcosa di diverso dalle solite esposizioni artistiche, abbiamo trovato gente rilassata (anche se non troppo cool come pubblicizzata, camminare con curiosità ed osservare opere e pezzi d’arte anche aldilà del costo stesso dell’opera. Molto importante l’esposizione del prezzo singolo per opera, un indicazione anche se non sempre basilare, ma utile a dare un’ulteriore impulso di trasparenza nel triangolo artista, gallerista, collezionista (o aspirante tale).

L’unica curiosità che ci resta è come mai solo quattro giorni, forse sarebbe stato utile allungare i tempi dell’esposizione e non restare ancorati ad un solo week end lungo.

si ringrazia Mondo Bizzarro Art Gallery e Dario Morgante per l’ospitalità

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento