Intervista: Seonna Hong @LeBasse Projects

Si inaugura domani presso la galleria LeBasse Projects di Calver City in California la personale di Seonna Hong.

Seonna Hong talentuosa artista con base a Los Angeles, pittrice con incursioni nell’animazione e dintorni (ha vinto un Emmy award come background painter nel 2006), torna con una personale a L.A. dopo sette anni e numerose esposizioni in tutto il mondo.

La sua mostra, ‘Persistence of Vision, é composta di quadri e sculture che indagano l’idea di percezione, una indagine sugli imprints e come questi condizionano le immagini che creano le nostre esperienze.

I suoi personaggi esistono in un mondo che prende vita intorno a loro, sospeso tra il naturale e l’innaturale. I paesaggi escono fuori dallo sfondo, coesistono con i personaggi, le sue ragazze diventano protagoniste e non solo elementi estetico, non abbelliscono solo la storia, la raccontano.

In occasione della mostra le abbiamo rivolto alcune domande:

Il tuo lavoro è un affascinante e pacato melting pot, le influenze asiatiche sono permeate dalla tua infanzia, le hai respirate a casa, o è semplicemente una scelta estetica?

I miei quadri sono molto autobiografici e anche se non è intenzionale mostrare le mie influenze asiatiche, risulta inevitabile.

Hai la  straordinaria capacità di unire ed utilizzare supporti diversi, utilizzando delle prove di colore come base per alcune opere, integrandoli cosi come sono senza svilirli o amplificarli. Pensi che ci siano dei codici per ottenere delle opere d’arte credibili?

Apprezzo questa analisi sul mio modo di riutilizzare le palette dei colori. Penso che ci sia un tipo interessante di creatività nelle risorse … usare i materiali che trovi disponibili nell’ambiente tutti i giorni e vederli in un modo nuovo.  Artisti come Duchamp con la sua fontana e Picasso con “Testa di toro” fatto con un sellino di bicicletta hanno stabilito da lungo tempo la credibilità di questo concetto ed è stato per me fonte di ispirazione guardare gli oggetti e reimmaginarmeli nel mio lavoro.

Questo nuovo uso del colore in tre dimensioni sembra esprimere una maggiore consapevolezza, o è pura sperimentazione?

E’ stata una progressione nella sperimentazione… integrare texture fino a quando le stesse cominciano ad uscire dalla superficie del dipinto. Mi piace molto la qualità tattile delle cose e ho anche sperimentato un po’ con la scultura per questo show.

i tuoi lavori sono progettati o impulsivi?

All’inizio erano molto molto pianificati, penso riflettessero il modo in cui erano organizzate le cose anche nella vita, il mio modo di pensare. E ora che sto imparando qualcosa sulla spontaneità, flessibilità, sull’affrontare gli errori, questo si riflette nel mio processo creativo. Quindi i miei lavori attuali sono i più impulsivi che abbia mai prodotto. Spero di continuare in questa direzione.

 

Ringraziamo ancora Seonna Hong per la disponibilità e vi invitiamo (se non potete alla LeBasse Projects di Calver City) a fare un salto sul suo sito, dovrete scoprirete l’affascinante mondo di un artista davvero fuori dal comune.

Buona visione

 

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento