La ‘guida’ allo shop di Malika Favre

Stile inconfondibile, minimalismo, essenzialità, delicatezza, portamento, determinazione… ma anche linee sensuali e morbide curve, eros, malizia e fascino femminile: un mix letale, un’illustrateur fatal che lascia il segno.
Stiamo parlando di Malika Favre, uno dei nomi da tempo affermati nel mondo dell’illustrazione e della grafica, già assoldata per la Handsome Frank ed ormai illustratrice indipendente e sfrenata con il suo gusto tipicamente francese, malizioso ed irrinunciabile, dove la figura femminile gioca un ruolo da protagonista assoluta, tra forme organiche e colori vivaci e saturi.
Malika è di origine (ovviamente) francese, ha studiato graphic design a Parigi per poi approdare a Londra dove ha iniziato a dedicarsi all’illustrazione per evolvere in poco tempo in quelle che oggi possiamo apprezzare e riconoscere immediatamente come sue creazioni.

Per approfondire la sua biografia è possibile leggere un’interessante intervista su Volcomunity, una comunity tutta al femminile per la quale Malika scrive degli articoli sulla genesi e lo sviluppo di alcune sue creazioni (trovate tutti i suoi interventi qui).
Tra i più recenti post troviamo il suo ultimissimo lavoro per la Global Blue: la fashion guida SHOP della collana Luxury Edition per le città di Buenos Aires, Riga e Napoli.
Come spiega Malika, per ogni lavoro è partita, ovviamente, da degli input iconici rappresentativi delle varie città o semplicemente seguendo il tema indicatogli dal cliente, interpretando poi il tutto attraverso il suo personalissimo gusto e proseguendo con sketch, prove, studi fino a smussare ed elaborare la versione definitiva.
Così: se per Buenos Aires ha scelto di rappresentare la eyewear designer argentina Carla Di Si, con i suoi occhiali personalissimi ed eccentrici, per Riga ha puntato sul make up mentre per Napoli il tema era incentrato sulle raffinate sciarpe e foulard di seta italiane e i diversi modi di indossarle.

;

Shop Buenos Aires Luxury Edition

Dal materiale di ricerca sugli occhiali di Carla Di Si:

Alle prime bozze:

Alla cover definitiva.
Nonostante, spiega Malika, la sua personale predilizione per il pattern leopardato, il cliente ha preferito puntare sulla forma esagonale della montatura dell’occhiale, ritenendola più rappresentativa per la designer argentina. Tuttavia, percependo lei stessa quest’ultima meno femminile e l’occhiale ancora non totalmente adatto, ha deciso di modificare la bozza e creare un pattern anni ’70 da applicare al vestito e lasciare solo le lenti con forma esagonale.

;

Shop Riga Luxury Edition

Anche in questo caso si parte con le immagini di documentazione:

Le bozze di prova:

La cover completa.
In questo caso Malika porta avanti due scelte diverse, la prima utilizzando l’aerografo per dare un tocco pop al make up, la seconda più netta e decisa caratterizzata da un mood più sexy e sensuale. Il cliente ha preferito optare per la prima bozza, sulla quale l’illustratrice ha deciso poi di abbandonare la scelta dell’aerografo per prediligere una tinta piatta.

;

Shop Naples Aires Luxury Edition

Documentazione e ricerca sui foulard e come vengono indossati:

Bozze di progettazione:

E ottimo risultato finale, dove si va a giocare con una figura femminile nascosta/vestita da un pattern colorato, che altro non è che un unico foulard che fonde e nasconde la donna che lo indossa.

Stefania Nebularina

Stefania Nebularina

Vicedirettore, webmaster e blogger di Bloggokin.it - Ufficio stampa e comunicazione per il Coffee Tree Studio. Appassionata di fumetti, grafica e arte, cerca la libera espressione in ogni sua forma e manifestazione. Il messaggio nel cubo dice: "don’t take all this too seriously" - MOTTO: PIMPI!!!

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento