Benjamin Béchet

Benjamin Béchet è un fotografo francese  molto bravo e attento alle tematiche sociali, in uno dei suoi ultimi servizi fotografici ha voluto mettere in risalto le differenze sociali, etniche ed antropoogiche nel lavoro. Come dire che se sei nato di una certa etnia è molto probabile che tu finisca per fare quel dato mestiere. Secondo lui è proprio da qui che nascono i semi dell’intollerenza e della xenofobia. Nasce cosi il progetto Je suis Winnie l’Ourson (io sono Winnie the Pooh), una serie di fotografie scattate proprio a Roma, dove sono stati fotografati alcuni personaggi cari al mondo dell’infanzia come se fossero “normali” cittadini extracomunitari, questo per stimolare la riflessione sulla stigmatizzazione dell’Altro raffigurante le paure e le contraddizioni ad esso associati. Béchet ci tiene a sottolineare che Roma, la città dove è nato il progetto, è un terreno fertile, la città sta assistendo ad un’ondata di intolleranza e violenza contro parte della popolazione che incarna la paura del diverso, figure marginali, lavoratori illegali, senza documenti o invisibili sono presi di mira aldilà del loro aspetto esteriore. Nascono così l’uomo ragno al semaforo, Biancaneve prostituta o Pippo venditore ambulante, personaggi popolari con problemi “normali”. Qualcosa su cui riflettere!


 

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento