Chevrolet Aveo

Negli ultimi anni il mondo delle auto e il design delle stesse ha fatto passi da gigante, sono state tentate nuove strade, curve più morbide, linee radicalmente diverse e innovazioni costanti, l’ultima a tentare il ricongiungimento tra design alto e utilità è stata la Chevrolet con la nuova Chevrolet Aveo.

Proprio nell’anno del centenario, la Chevrolet rilancia tutta la gamma Aveo (che comprende le versioni berlina a quattro e cinque porte) con un nuovo stile che va a migliorare tutta una serie di elementi che spesso e e volentieri erano stati (nei vecchi modelli) ereditati da quelli precedenti. I fari circolari, i passaruote pronunciati, il muso caratterizzato da una grande presa d’aria centrale e due più piccole laterali, tutte rivestite in alluminio. I fari fendinebbia sono integrati nell’apertura della presa di raffreddamento che termina nei parafanghi, dando alla parte anteriore un aspetto aggressivo e moderno, sono davvero poche le cose lasciate al caso, i designer si sono davvero impegnati molti, non trlasciando quasi nulla, sia nel modello base che in quello berlina a cinque porte, dove le maniglie delle portiere posteriori sono integrate nel montante superiore, per conferire una estetica simile a una coupé. I gruppi ottici posteriori della 5 porte non sono incapsulati e si integrano armoniosamente con l’anteriore del veicolo. Invece, le luci posteriori della 4 porte sono avvolte da una lente sdoppiata, che garantisce un tocco di civetteria alla figura slanciata e aerodinamica della vettura. La berlina a 4 porte è più lunga di 360 mm rispetto alla 5 porte, che misura 4039 mm.

La Chevrolet Aveo è sicuramente una di quelle auto che prova a rendere i nuovi modelli accattivanti e in linea sia con il design che con la sicurezza (aldilà del prezzo di vendita), per farlo ha utilizzato linee eleganti e dinamiche sia dentro che fuori, un cruscotto originale ispirato a quello delle motociclette, retroilluminazione blu-ghiaccio e l’utilissima presa USB per il lettore MP3 che ormai è un optional quasi obbligatorio per le utilitarie moderne.

Sicuramente una macchina che non passerrà inosservata ai più attenti e agli amanti del design, non è infatti facile trovare tanta attenzione in una macchina cosidetta “piccola”.

 

Articolo sponsorizzato

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento