Anteprima: Glenn Barr Faces & Small Epics

Glenn Barr è una vera celebrità della corrente LowBrow, uno dei padri del tanto celebrato Pop Surrealismo, giovedì 20, sabato 22 e domenica 23 ottobre sarà per la prima volta a Roma, con la sua prima mostra personale europea, Faces & Small Epics che vedete qui in anteprima!

Tra gli iniziatori del Pop Surrealismo, artista dal tratto onirico e dall’eccezionale percorso artistico. Basti pensare che, prima di contribuire alla nascita della corrente pittorica portabandiera del Pop contemporaneo ha trascorso anni nel mondo del fumetto e dei cartoon (tra l’altro è tra gli autori del magnifico videoclip di Bjork “I Miss You” con lo studio del cartoonist John Kricfalusi).

E’ la MondoPOP International Gallery di Roma a proporre in Italia le opere dell’artista di Detroit che, assieme a colleghi come Mark Ryden, Todd Schorr, Eric White, Isabel Samaras, Lisa Petrucci, Shag, Gary Baseman e altri ha dato il via negli anni 90 alla corrente del Pop Surrealismo, ormai iper-celebrata nei salotti dell’Arte Contemporanea, ritenuta una delle poche scene artistiche vitali dagli addetti ai lavori e seguita da un ampio pubblico in tutto il mondo.

La mostra è nella Street Room di MondoPOP, inaugura sabato 22 ottobre alle 19 e sarà aperta fino al 3 dicembre. E qua ne vediamo qualche foto in assoluta anteprima.

Sulle mura della prima sala della galleria di via dei Greci ci sono nuove opere di piccolo e grande formato di Barr, una ventina di lavori recenti su legno e numerose stampe glicée a tiratura limitata, che la galleria ha scelto con l’artista per poter accontentare ogni tipo di palato e soddisfare le diverse esigenze dei collezionisti d’arte che vogliono puntare su questa corrente, dai costi ancora accessibili e ormai dai risultati certi. E ammirandole per primi possiamo verificare che è vero ciò che si dice, ovvero che le opere di Barr siano l‘equivalente visivo di un film di David Lynch. Sia i rimandi a un elegante immaginario anni 60 che gli sguardi inquieti dei soggetti delle opere o le loro oscure atmosfere fanno pensare a scene e inquadrature del regista del Montana.

Glenn Barr dice invece della sua arte: «io amo i romanzi pulp e l’illustrazione. Adoro i giornali per soli uomini, per l’immaginario sopra le righe che rappresentano. Gli illustratori dagli anni ’40 agli anni ‘70 avevano un modo fluido di dipingere, che caratterizzava la narrazione estetica. Sono sempre stato anche un fan dei mostri e dell’horror, il che inevitabilmente traspare in maniera inconscia nella mia arte». E aggiunge: «mi è sempre piaciuto dipingere su oggetti trovati in giro, che hanno storia e personalità, come pannelli in legno schiariti dal sole o elementi da qualche edificio abbattuto… Scoprendoli e dipingendoli sento che sto infondendo a questi resti nuova vita, il che dà al mio lavoro un’estetica naturale di familiarità».

MondoPOP ha collaborato per realizzare questo evento con la storica La Luz De Jesus Gallery di Los Angeles, la galleria che più ha contribuito alla nascita del Pop Surrealismo con le sue leggendarie mostre e che, con questa personale di Barr, inaugura una collaborazione con MondoPOP, che diventa il suo riferimento in Europa.
Culla fin dal 1986 della nascente corrente artistica del Pop Surrealismo e  tempio del Lowbrow e dell’arte underground in genere, La Luz De Jesus è la galleria che ha lanciato firme come Mark Ryden, Robert Williams, Joe Coleman, i Clayton Brothers, Eric White, Camille Rose Garcia, Manuel Ocampo, lo stesso Glenn Barr e ha esposto tutti i più importanti Pop Surrealisti, da Gary Baseman a Tim Biskup, da Gary Taxali a Shag.
Inoltre ha esposto opere di Matt Groening, Clive Barker, Gary Panter, Frank Kozik e altri artisti contaminati con fumetto, Poster art, art toys, kustom kulture, tattoo art e cartoon.
Nella Garden Room della galleria romana infatti abbiamo visto esposte anche le incredibili opere dell’artista cinese Danni Shinya Luo, la nuova promessa del Pop Surrealismo di cui Mr. Barr fa da ideale padrino e su cui sia MondoPOP che La Luz De Jesus puntano.
E da qualche scatto rubato che vedete qui si capisce perché.

L’arrivo di Glenn Barr in Italia viene anche celebrato da Palazzo delle Esposizioni che oggi, giovedì 20 ottobre, dalle ore 18 ospita nella Sala Forum (ingresso gratuito da via Milano) l’artista e il curatore della mostra David Vecchiato per discutere delle origini e delle ispirazioni del Pop Surrealismo.

Dopo le 18,30 Barr firma e dedica il suo ultimo libro Faces, presentato qui in anteprima europea, nella libreria Arion Esposizioni all’interno del Palazzo.

Ma non è finita. Anche il tempio della lounge music e del burlesque, il Micca Club, dedica una serata eccezionale a Mr. Barr. Domenica 23 ottobre dalle 18 in poi il Micca in collaborazione con MondoPOP presenta la mostra di gigantografie di opere di Glenn Barr Space Surrealism. Si potrà trascorrere il tempo di un aperitivo o tutta la serata con l’artista, accompagnati dal dj set delle Frigopop e assaggiando il cocktail che il Micca ha creato in suo onore.


Sia al Micca che al Palazzo delle Esposizioni saranno inoltre in vendita i due poster in tiratura limitatissima (solo 50 copie di ognuno!) realizzati in esclusiva per i due eventi romani che riproducono le due opere che Barr ha dipinto per entrambe le occasioni e che sono esposte in originale a MondoPOP, tra le altre.

 

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento