Olimpiadi 2016

Fra poco più di due mesi il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) deciderà e annuncerà la destinazione finale delle prossime Olimpiadi del 2016, purtroppo non crediamo che ai fini della scelta sarà vincolante la bellezza o l’efficacia del logo (per non parlare della mascotte), sarebbe interessante se per una volta si potesse dire che è stata scelta la città che ha reso la sua immagine più accattivante e presentabile (basta vedere il pessimo esempio di Londra 2012).
Utopia grafica?

Chicago, USA
Il logo è stato disegnato dalla VSA Partners, questo è in realtà il secondo logo, il primo (lo trovate qui) è stato respinto dal comitato olimpico perchè violava alcune regole base per la presentazione dello stesso. Il logo è accompagnato dallo slogan “Let friendship shine” e usa la stella a sei punte di Chicago.

Madrid, Spagna
Il logo è stato disegnato dal ventiseienne grafico argentino Joaquín Malle ed è uno dei 2,700 loghi inviati, rappresenta una mano colorata con i colori olimpici, che sovrapposti creano nella parte bassa la M di Madrid. Lo slogan scelto è “Hola everyone”.

Rio de Janeiro, Brasile
Il logo è stato disegnato da Ana Soter e scelto da una speciale giuria, rappresenta le Sugarloaf Mountain con lo slogan “Live your passion” inoltre l’UNO di 2016 è stato girato ed utilizzato, come spesso accade in questi casi, come punto esclamativo.

Tokyo, Giappone
Il logo utilizza uno dei simboli tradizionali del giappone, il musubi (nodo), nella variante dei colori olimpici, lo slogan scelto da Kenji Ekuan del GK Design Group è “Uniting our worlds”.

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento