Andrea Pazienza

Esattamente il 16 giugno di venti anni fa, moriva Andrea Pazienza, per i pochi che non lo conoscono o non lo hanno mai sentito nominare, è stato probabilmente, anzi SICURAMENTE, uno dei massimi autori del fumetto italiano per talento e stile. Credo che di lui si possa dire tutto e il contrario di tutto, ma di sicuro rappresenta bene quello che viene comunemente definito “genio e sregolatezza”, per lui sono stati spesi fiumi di parole, libri, film e mostre celebrative ed è stato pubblicato tutto il pubblicabile da tutti gli editori possibili (quotidiani inclusi).
Ho letto l’altro giorno sulla Stampa una bella intervista a Sergio Staino che lo ricorda con un velo di malinconia per quello che è stato e per quello che poteva essere, la copio e incollo qui sotto (dopo le inteviste di raitre) perchè mi sembra il modo migliore per ricordare il genio di PAZ!

Inoltre in questi giorni si tengono anche due interessanti mostre che ricordano APAZ:

la prima si intitola “un estate a Sant Mnà” e si tiene a San Menaio (Puglia), la città dove spesso ARDENZA passava la sue vacanze giovanili (qui alcune notizie sulla mostra), una mostra che diventa l’occasione per ripercorrere l’opera di Andrea Pazienza da un punto di vista insolito, il legame viscerale con la “sua” terra che per l’occasione gli dedicherà una mostra.
L’esposizione e’ corredata da fotografie disposte lungo il percorso e in spazi riservati. Autori delle foto: Vanni Natola, Gino Nardella, Luigi Damiani, Enrico Pazienza. Una mostra delle sole fotografie ritraenti Andrea di Isabella Damiani sara’ allestita, nello stesso periodo, presso Villa Santovito, in San Menaio.

La seconda mostra “Pazienza Poliziano” è curata la moglie e si tiene a Montepulciano dal primo al trenta giugno). Qui informazioni sulla mostra. La città di Montepulciano rende un doveroso omaggio ad Andrea Pazienza: dall’1 al 30 giugno la mostra-evento “Pazienza poliziano”. Saranno esposti i lavori originali, insieme ad una raccolta delle testimonianze e dei ricordi legati al periodo e al territorio: sarà possibile ricostruire così una parte fondamentale della vita artistica di Andrea Pazienza nei suoi quattro anni di permanenza poliziana, dal 1984 fino all’epilogo del giugno 1988.

L’ultima bugia del Paz
di FRANCO GIUBILEI

Un’overdose di eroina si portò via Andrea Pazienza la notte del 15 giugno di vent’anni fa, nella casa di campagna di Montepulciano dove viveva con la moglie. APaz, come si firmava nei fumetti, aveva solo 32 anni e un talento micidiale sparso a piene mani fra le riviste migliori di quel decennio, da «Linus» al «Male», da «Cannibale» a «Frigidaire», per citarne alcune. Il giorno prima di morire era andato a cercare Sergio Staino nella redazione di «Tango», il supplemento satirico dell’«Unità» diretto dallo stesso Staino, con cui collaborava: «Era stato in Brasile con l’idea di staccarsi dalle maledette storie di pusher che lo assillavano – ricorda oggi Staino – Doveva stare via un mese e invece se ne andò via per tre mesi, così eravamo in pensiero per lui. Tornò da quel viaggio ed era pulito, sembrava un’altra persona. Un giorno mi venne a trovare a Roma, all’Unità, era disperato perché doveva trovare quattro milioni di lire per pagare le tasse arretrate, come mi raccontò piangendo. Non sapevo come aiutarlo, allora gli proposi un contratto per un libro sulle sue storie pubblicate su Tango: lo lasciai lì per andare a trattare la cosa con l’amministrazione del giornale e lui mi riempì la scrivania di disegni di Occhetto… Tornai con due milioni, non avrei mai immaginato che mi stava prendendo per il culo. Il giorno dopo mi chiamano per avvertirmi che era morto».

Paz aveva compiuto il suo ultimo giro di danza con l’amante più velenosa della sua vita, l’eroina, e ancora oggi il rammarico di Staino è enorme: «Noi abbiamo perso un gigante della storia dell’arte del Novecento, perché Andrea era uno sperimentatore, un inventore di immagini. Forse gli arretrati oltre che col fisco li aveva pure con gli spacciatori».

L’amicizia fra il fumettista pugliese e il creatore di Bobo nasce all’inizio degli anni Ottanta, alle serate del Club Tenco a Sanremo: «Con Andrea ci siamo trovati uniti da un’affinità di condizioni d’autore, dato che il fumetto e la musica all’epoca erano snobbati dalla cultura ufficiale. Questi del Tenco hanno invitato me, Andrea, Manara, Michele Serra, ci veniva anche Benigni. Paz veniva e disegnavamo, perché al Tenco c’era la giornata musicale e poi tutto il gruppo degli artisti si trovava al ristorante. Andrea innescò dall’inizio un rapporto privilegiato con Guccini: lo disegnava in forme enormi chiamandolo “Guccione” e lui si arrabbiava, tanto che una volta erano arrivati a prendersi per la collottola». Nel 1986 Tango va in edicola, e al direttore Staino viene subito naturale chiamare Paz nella sua squadra di disegnatori: «Facevo questo giornale satirico all’interno dell’”Unità”, che allora era l’organo del Pci, ma fin dall’inizio, siccome c’era il rischio di essere troppo tenero col mio partito, pensai ad alcuni autori lontani da noi, cioè Vincino, Andrea e Angese. Andrea veniva dal Settantasette bolognese e Vincino, ai tempi del “Male”, era stato allontanato dalla Camera da Nilde Iotti». Col direttore dell’Unità Emanuele Macaluso, Staino stringe un patto che riconosce piena libertà ai vignettisti: «Ho sempre difeso la libertà dei disegnatori, anche se qualche intervento dall’alto ci fu, ma non su Andrea e non per temi politici, c’era invece qualche limitazione per il sesso perché si andava su un giornale generalista».

Pazienza, che pure proveniva dalle esperienze di satira estrema del «Male», non ha difficoltà: «Non era a disagio, disegnava molto volentieri per Tango. Io sono arrivato tardi a fare satira, “Bobo” è dell’81, ed ero un grande ammiratore di questi del Male. La mia stima era tale che nessuno di loro ha avuto invidie o pregiudizi. In certi momenti Andrea mi guardava dall’alto in basso perché non fumavo (erba, ndr) e perché ero un compagno serio che riconduceva tutto a un’analisi politica: c’era in lui l’affettuosità di chi guarda un babbo o un fratello maggiore che non capisce certe cose. Ricordo gli spettacoli di Tango, nei teatri o alle feste dell’Unità: David Riondino cantava e Andrea, che era strepitoso e di una velocità inimmaginabile, disegnava col pennarello in diretta costruendo le immagini a partire dalle parole». Pazienza doveva avere un ruolo importante, anche se un po’ ingrato, anche nel film diretto da Staino nell’88, «Cavalli si nasce»: «Era la parte di un giovane pittore al servizio di un signore meridionale che si entusiasmava all’idea rivoluzionaria, una vicenda ambientata nel 1830. Alla prima repressione però il personaggio cedeva e denunciava gli altri, un traditore, ma solo per debolezza. Andrea mi serviva per dipingere queste madonne neoclassiche nel film. Erano i giorni in cui aveva cominciato a disegnare Astarte, una storia di un respiro meraviglioso in cui si era buttato a capofitto». Paz però quel copione ha solo il tempo di leggerlo, poi arriva la notte fatidica del 15 giugno. «Lui è l’artista che ha rappresentato meglio l’inquietudine degli Anni Settanta e Ottanta, col suo Pompeo, il suo Zanardi: i più grandi. Aveva anche il desiderio di fare un film da regista, e secondo me ci sarebbe arrivato».

TUTTE LE OPERE

Fumetti

* La settimana ha otto dì – 1977 Edizioni squilibri – a cura di Francesco Schianchi – illustrazioni di Andrea Pazienza

* Aficionados – 1981 Primo Carnera Editore – Suppl. Frigidaire n. 8-9 – spillato – col.; 1992 Editori del Grifo – I classici del Grifo n. 8 – Montepulciano (SI) – brossurato – col.; 1993 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – cartonato – col.

* Il libro rosso del male – 1981 Il Male edizioni – I quaderni del Male n. 1 – Suppl. Il Male n. 49 del 29/12/1980 – Roma – col.- b/n; 1991 Editori del Grifo – La nuova mongolfiera – Montepulciano (SI) – brossurato – col.- b/n

* Le straordinarie avventure di Pentothal – 1982 Milano Libri Edizioni – Milano – cartonato – b/n; 1989 Rizzoli Milano Libri – Milano – b/n; 1997 Baldini & Castoldi – Milano – brossurato – b/n – Edizione critica – a cura di Felice Cappa

* Zanardi – 1983 Primo Carnera Editore – Milano – brossurato – col.- b/n; 1988 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – col.- b/n; 1993 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – brossurato – col.- b/n; 1994 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – cartonato – col.- b/n; 1998 Baldini & Castoldi – Milano – brossurato – col.- b/n – Edizione critica – a cura di Felice Cappa

* Perché Pippo sembra uno sballato – 1983 Primo Carnera Editore – Milano – brossurato – col.- b/n; 1992 Editori del Grifo – I classici del Grifo n. 4 – Montepulciano (SI) – brossurato – col.- b/n; 1992 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – cartonato – col.- b/n – Edizione a tiratura limitata (1500)

* Pertini – 1983 Primo Carnera Editore – Milano – brossurato – b/n; 1998 Baldini & Castoldi – Milano – brossurato – b/n – Edizione critica – a cura di Felice Cappa

* Glamour Book – 1984 Glamour International Production – Firenze – brossurato – col.- b/n

* Tormenta – 1985 Milano Libri Editore – Milano – brossurato – col.- b/n; 1992 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – brossurato – col.- b/n; 1993 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – cartonato – col.- b/n

* Cattive compagnie – 1985 Babel editore – Atene (Grecia)

* Glamour Book 2 – 1986 Glamour International Production – Firenze – brossurato – col.- b/n

* I diritti umani – 1986 Editrice Comic Art – Roma – cartonato – b/n

* Pazeroticus – 1987 Glamour International Production – Firenze – The secret book of glamour – b/n-col.

* Pompeo – 1987 Editori del Grifo – La nuova mongolfiera – Montepulciano (SI) – brossurato – b/n; 1994 Editori del Grifo – I classici del Grifo n.14 – Montepulciano (SI) – brossurato – b/n; 1997 Edizioni Di – Castiglione del Lago (PG) – cartonato – b/n; 2000 Baldini & Castoldi – Milano – brossurato – b/n – Edizione critica – a cura di Felice Cappa

* Zanardi e Altre storie – 1988 Comic Art – Serie Grandi Eroi n. 20 – Roma – cartonato – col.- b/n; 1988 Comic Art – Serie Grandi Eroi n. 20 – Roma – brossurato – col.- b/n;1995 Comic Art – Serie Best Comics n. 40 – Roma – brossurato – col.- b/n

* Agenda Verde 1988 – 1988 Editori del Grifo/Lega per l’Ambiente – Montepulciano (SI)

* Cose d’A. Paz. – 1988 Primo Carnera Editore – Milano – brossurato – b/n

* The Great- 1988 Primo Carnera Editore – Milano – brossurato – b/n

* Zanardi. La prima delle tre – 1988 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – brossurato – b/n; 2004 Edizioni Di – Castiglione del Lago (PG) – brossurato – b/n

* Andrea Pazienza – 1989 Comic Art – Serie Grandi Eroi n. 32 – Roma – cartonato – col.- b/n; 1989 Comic Art – Serie Grandi Eroi n. 32 – Roma – brossurato – col.- b/n; 1995 Comic Art – Best Comics n. 41 – Roma – brossurato – b/n

* Sturiellet – 1989 Editori del Grifo – La nuova mongolfiera – Montepulciano (SI) – brossurato – col.- b/n; 1992 Editori del Grifo – I classici del Grifo n. 6 – Montepulciano (SI) – brossurato – col.- b/n; 1993 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – cartonato – col.- b/n – Edizione a tiratura limitata (1500)

* Sotto il cielo del Brasil – 1990 Editori del Grifo – La nuova mongolfiera – Montepulciano (SI) – brossurato – col.; 2000 Edizioni Di – Castiglione del Lago (PG) – cartonato – col.

* Sulla via della seta n. 1 – 1991 Edizioni ART Core – col.- b/n

* Zuttango – 1991 Editori del Grifo – La nuova mongolfiera – Montepulciano (SI) – brossurato – col.- b/n

* Bestiario – 1992 Editori del Grifo – Montepulciano (SI) – cartonato – b/n; 2002 cartonato – b/n

* ” Bestiario 2 “-2002 Grifo Edizioni- Frattamaggiore (na) – cartonato

* Il Male sconosciuto di Andrea Pazienza – 1993 Edizione pirata fuori commercio senza un editore – spillato – b/n

* La Leggenda di Italianino Liberatore – 1994 Editori del Grifo – Moltepulciano (SI) – brossurato – b/n
* Sulla via della seta n. 4 – 1995 Edizioni ART Core – Speciale Umbria Fumetto – col.- b/n

* Antologica – 1997 Baldini & Castoldi – Milano – brossurato – col.

* Paz. Scritti, Disegni, Fumetti – 1997 Einaudi – Milano – a cura di Vincenzo Mollica – brossurato – b/n

* Favole – 1998 Edizioni Di – Castiglione del Lago (PG) – cartonato – col.

* Campofame – 2001 Edizioni Di – Castiglione del Lago (PG) – cartonato – col. – in allegato Tre canti di Moreno Miorelli, con copertina e retrocopertina di Andrea Pazienza

* Satira 1977-1988 – 2001 Baldini & Castoldi – Milano – brossurato – b/n

* Zanardi 2 – ISTANTANEE – 2001 Baldini & Castoldi – Milano – brossurato – b/n

* Francesco Stella – 2002 Coconino Press – Bologna – brossurato – col.

* Superpaz 1 – 2003 Coconino Press – Bologna – spillato – b/n

* Extra Paz – 2004 Coconino Press – Bologna – spillato – b/n

* L’arte di Andrea Pazienza – 2004 Panini Comics/Gruppo editoriale L’Espresso – Modena/Roma – I classici del fumetto di Repubblica n. 48 – brossurato – col.- b/n

* Visca – 2006 Fandango Libri S.r.l. – Roma – brossurato – col.

Collaborazioni

Alter Alter

Nasce come figlio di Linus nel 1974, col nome di Alterlinus; dal 1977 al 1986 esce col nome di Alter Alter; nel 1986 cambia ancora nome e diventa Il grande Alter, ma chiude prima della fine dell’anno.

* Anno 1977, nn. 4, 6-8, 11
* Anno 1978, nn. 2, 3, 5, 12
* Anno 1979, nn. 1, 3, 5
* Anno 1980, nn. 5, 6, 9
* Anno 1981, n. 7
* Anno 1982, n. 12
* Anno 1984, nn. 4, 5, 11
* Anno 1985, nn. 1, 2, 4-7, 10-12
* Anno 1986, n. 2

Linus

* Anno 1977, n. 8
* Anno 1982, nn. 4, 5, 9
* Anno 1983, nn. 1, 2, 3, 5, 8, 9, 11, 12
* Anno 1986, n. 3
* Anno 1988, n. 3 (esce postuma la storia Suite for Benka)

Cannibale

Rivista autoprodotta dagli artisti che la realizzano presenta tutti i prodromi di Frigidaire, esce tra il 1977 e il 1979. Pazienza partecipa in modo attivo dal secondo numero in poi, cioè dall’inverno 1977 al giugno 1979.

* Anno 1978, nn. 1, 10
* Anno 1979, nn. 1, 11-13

Il Male

* Anno 1978, nn. 9, 23, 26-32, 36-38
* Anno 1979, nn. 1, 6, 8, 9, 15, 18, 30, 33, 34, 36, 39, 40-50
* Anno 1980, nn. 1-9, 11-31, 33, 35-39, 41-43, 45, 47-49
* Anno 1981, nn. 1-6, 9-11, 13, 14, 17, 20, 25, 26, 28
* Anno 1982, n. 7

Frigidaire

Storica rivista multi-contenuto creata da Vincenzo Sparagna con la collaborazione di Massimo Mattioli, Filippo Scòzzari, Tanino Liberatore, su un progetto grafico di Stefano Tamburini. Esce per la prima volta nel novembre 1980 e continua mensilmente fino al 1993 con alterne fortune editoriali.

* Anno 1980, nn. 1, 2
* Anno 1981, nn. 3-13
* Anno 1982, nn. 14-25
* Anno 1983, nn. 26-29, 31, 34-37
* Anno 1984, nn. 38-42, 48, 49
* Anno 1985, nn. 51-61
* Anno 1986, nn. 65-74
* Anno 1987, nn. 75-79, 81-83, 85
* Anno 1988, nn. 92, 93
* Anno 2002, n. 204

Glamour International Magazine

* Anno 1983, n. 10
* Anno 1984, n. 14
* Anno 1985, n. 1
* Anno 1986, nn. 5-8

Corto Maltese

Mensile, esce tra il 1983 e il 1993, contribuendo alla diffusione del fumetto d’autore in Italia con la pubblicazione di autori come Pratt, Toppi, Manara, Battaglia, Miller, Munoz, Lauzier.

* Anno 1983, nn. 1-3
* Anno 1984, nn. 1-3, 5, 7
* Anno 1985, n. 11

El Vibora

* dal 1983

Ottovolante
Supplemento al quotidiano Paese Sera

* Anno 1983, nn. 1-10

Panorama

* Anno 1984, n. 949 (articolo e illustrazione)

Babel

* dal 1984

Frizzer

* Anno 1985, nn. 1-9
* Anno 1986, nn. 10, 11
http://www.blogger.com/img/gl.bold.gif
Satyricon
Supplemento al quotidiano la Repubblica

* dal 1/05/1985 al 12/06/1985

L’Echo des Savanes

* dal 1984

Zut

* Anno 1987, nn. 1-13, 16, 17 (settimanale)
* Anno 1988, nn. 3, 4 (mensile)

La nuova ecologia

* Anno 1985, nn. 16, 17
* Anno 1986, nn. 23-29, 31, 32
* Anno 1987, nn. 36, 40, 41, 45
* Anno 1988, nn. 48-52, 55

Tango

Supplemento satirico dell’Unità diretto da Sergio Staino; esce tra il 1986 e il 1988 e contiene un’ampia produzione vignettistica di Pazienza. Successivamente Cuore (che esce tra il 1989 e il 1991) pubblicherà quattro volumi con storie apparse precedentemente su Tango.

* Anno 1985, n. 0
* Anno 1986, nn. 1-3, 5, 6, 8-11, 13, 14, 17-20, 22, 26-28, 30, 38-40, 42
* Anno 1987, nn. 43, 46, 48, 50-58, 60, 61, 72-77, 80, 81, 83-92
* Anno 1988, nn. 95, 96, 99bis, 101, 105, 107, 109, 110, 112, 120

Comic Art

* Anno 1986, nn. 18, 22, 23, 28
* Anno 1987, nn. 29-39
* Anno 1988, nn. 40-44, 46, 47

Tempi supplementari

http://www.blogger.com/img/gl.bold.gif* Anno 1985, n. 3
* Anno 1986, nn. 6-12

Agenda verde

* 1985
* 1986
* 1987
* 1988

Reporter

* 1986

A.V.A.J.

Il titolo della rivista è ricavato dai nomi dei suoi fondatori: Angese, Vincino, Andrea Pazienza, Jacopo Fo. Non è una rivista vera e propria ma un allegato a Linus che esce tra marzo e settembre 1988.

* Due storie, poi raccolte in Sotto il cielo del Brasil

Be Bop a Lula

* Anno 1988, nn. 24, 27

Il Grifo

* Anno 1991, nn. 1-9
* Anno 1992, nn. 10-12, 14, 16, 19
* Anno 1993, nn. 20-27, 29
* Anno 1994, nn. 30-33, 35

Zapple

* Anno 2008 (esce postuma la storia LSD del 1984)

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento