Paese che vai, logo che trovi…



Me la rido sotto i baffi stavolta, ci sono cascati anche a Londra, patria del design e del Deisgn Museum, dopo il nostro scandalo per il logo zucchina di cui avevamo parlato tempo fa, ora anche i nostri amici inglesi hanno i loro bravi problemi con il quello delle Olimpiadi 2012! Il logo presentato ieri andrà a sostituire quello presnetato per la candidatura delle Olimpiadi nel 2003 e rappresenta, nella sua declinazione nei quattro colori celeste, arancio, verde e fucsia, i quattro elementi accesso, partecipazione, stimolo e ispirazione che racchiudono – dice il comitato organizzatore – lo slogan che caratterizzerà questa edizione londinese “I giochi di tutti”.
Per questo le Olimpiadi di Londra vogliono essere connotate per lo spirito multietnico, che caratterizza la composizione stessa degli abitanti della città, e allargare la partecipazione attiva al pubblico più giovane.
Il simbolo è stato realizzato dalla Wolff Olins, agenzia di brand managing tra le più note al mondo, e sembra essere stato ispirato proprio da quest’ultima considerazione. Il disegno del marchio occhieggia, infatti, alle tag urbane dei writers rendendo la data del 2012, però, in una versione moderatamente corretta e aggraziata rispetto ad una scritta sul muro – un po’ più da famiglie, si potrebbe dire.

Dalla presentazione in poi, si sono scatenate le peggiori lamentale e la solita petizione online che ha raggiunto in poche ore le 35.000 firme (noi appena 3500), accusando addirittura l’animazione del logo in TV fonte di crisi epilettiche (giuro non nsto scherzando!). Ora sono curioso di vedere se loro sono più seri di noi e lo ritirano oppure se se lo tengono visto che lo hanno pagato qualcosa come 600.000 euro!!!

MEGA UPDATE!

Mi sono sempre chiesto come viene realizzato un importante logo per un importante manifestaziione, quali arditi processi mentali vengono seguiti, quante e quali elaborazioni dello stesso logo si posssono creare prima di giungere ad un definitivo hce ci convinca. Ora lo so, la risposta era semplice… basta guardare il video!

Paolo

Paolo "Ottokin" Campana

Paolo "Ottokin" Campana. Founder di Bloggokin. A volte grafico. A volte blogger. Giro, vedo gente, mangio cose.

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento